All Posts By

AIA CAN 5

Coppa Italia Serie A di Futsal: Chiara Perona primo arbitro donna a dirigere la finale

By | Uncategorized | No Comments

Si è disputata questa sera la finale della Coppa Italia di Futsal tra Pesaro e Feldi Eboli. La partita è stata diretta da Chiara Perona, della Sezione di Biella, prima donna nella storia a dirigere la gara decisiva di una competizione maschile di questo livello. La squadra arbitrale era poi composta dal secondo arbitro Nicola Manzione di Salerno, dal terzo Michele Ronca di Rovigo e dal crono Giovanni Vitolo Ferraioli di Castellammare di Stabia.

Grande soddisfazione per questo risultato è stata espressa dal Presidente dell’AIA Alfredo Trentalange, dal Comitato Nazionale e dal Responsabile della CAN 5 Angelo Montesardi e nome di tutta la Commissione.

Prima della partita è stato inoltre premiato Alessandro Malfer, attuale Componente della CAN 5 ed ex arbitro internazionale, per il contributo dato durante la sua carriera nel portare il nome del Futsal italiano nel mondo.WhatsApp Image 2021-04-25 at 19.58.10

Italfutsal, si chiude la qualificazione a Euro 2022. Gentile e Bensi impegnati come assistenti arbitrali

By | News | No Comments

Riscattare il ko con il Belgio e chiudere con un sorriso un cammino oltremodo positivo. L’Italia, già certa di un posto a Olanda 2022, ha dominato il girone 7 di qualificazione conquistando il pass per la rassegna c ontinentale con due giornate di anticipo. I quattro successi consecutivi, cominciati proprio con il 3-0 in Montenegro, hanno permesso agli azzurri di vivere senza pressioni di classifica le ultime due partite. In Belgio è arrivato un ko e questa sera contro i montenegrini Musumeci e compagni vogliono regalarsi un prWhatsApp Image 2021-04-13 at 17.58.52onto riscatto.

13/04/2021
Italia – Montenegro
3’ Arbitro Gianluca GENTILE
Cronometrista Michele BENSI

 

 

Non solo Futsal: a lezione da Francesco Peroni.

By | News | No Comments

Sezione di Fermo
La scorsa settimana gli arbitri fermani hanno avuto l’onore di accogliere il Componente della Commissione Arbitri Nazionale per il Calcio a 5 Francesco Peroni, appartenente alla Sezione di Città di Castello. Peroni è stato proprio l’ospite nazionale sorteggiato dal Comitato Nazionale per avvicinare la struttura centrale dell’AIA a quella periferica costituita dalle Sezioni. Anche questa volta, come ormai da un anno a questa parte, la riunione si è tenuta online, sulla piattaforma di videoconferenza Zoom. Gli spunti e gli argomenti trattati sono stati essenziali e fondamentali per la crescita degli associati collegati.  SEM04087Un primo momento della Riunione Tecnica Obbligatoria, gestito esclusivamente da Peroni, ha riguardato la parte dell’analisi e della struttura nazionale della CAN 5. Nonostante questa breve introduzione, e seppure l’ospite provenisse dal mondo del Futsal, i temi trattati hanno riguardato tutto l’ambiente calcistico e non soltanto quello relativo appunto al Calcio a 5, questo per far sì che tutti i partecipanti fossero pienamente coinvolti negli argomenti. La seconda parte della lezione è stata sfruttata dall’ospite per sottolineare e valutare insieme ai ragazzi l’importanza dell’aspetto emotivo nella vita arbitrale, ovvero tutte le emozioni che attraversano un arbitro, da quando riceve la designazione fino a quando esce dallo spogliatoio una volta terminata la gara. Si è ampiamente discusso quindi della preparazione e dell’analisi della gara nei giorni che la precedono. Data l’importanza dell’evento, alla riunione erano collegati, oltre agli associati fermani, il Presidente del Comitato Regionale Arbitri delle Marche Carlo Ridolfi, i Componenti CRA Marche per il Futsal Mauro Albertini e Francesco Pagnotta e altri associati delle Sezioni marchigiane militanti in organico regionale e nazionale. Il saluto in chiusura del Presidente di Sezione Michela Pietracci: “A nome di tutta la Sezione, un profondo grazie a Francesco per la grande disponibilità e professionalità dimostrata. Spero che i miei ragazzi abbiano fatto tesoro degli insegnamenti e dei consigli dispensati stasera. Mi auguro di poter ospitare Francesco in Sezione, appena si potrà”.

 

A lezione di futsal da Alessandro Malfer e Andrea Saggese

By | News | No Comments

Sezione di Trento
In occasione della Riunione tecnica obbligatoria in programma mercoledì 31 marzo, la Sezione di Trento ha avuto l’onore e il piacere di avere come ospiti due distinti colleghi della vicina Sezione di Rovereto. Alessandro Malfer, Componente della CAN 5, e Andrea Saggese, arbitro CAN 5, nonché Presidente della Sezione di Rovereto, hanno infatti sapientemente intrattenuto i partecipanti alla riunione, raccontando la loro esperienza e il loro percorso nazionale in CAN 5.
Ad aprire la serata, un intenso ed emozionate video introduttivo ha raccontato i successi di Alessandro e Andrea, presentati e accolti calorosamente dal Presidente di Sezione Francesco Scifo, che ne ha esaltato le doti umane, tecniche e associative, sottolineando l’importanza e la felicità di avere ospiti un dirigente come Alessandro, che da arbitro ha calcato i rettangoli di giuoco dei palazzetti di Futsal più importanti del mondo, dirigendo partite nazionali ed internazionali di massimo prestigio, e un arbitro come Andrea, che, anche se da pocScreenshot (58)hi anni a disposizione della CAN 5, ha già debuttato in Serie A.
Saggese ha preso subito la parola, non nascondendo l’onere e l’emozione di precedere un suo cosezionale del calibro di Alessandro Malfer, incentrando il suo intervento sull’importanza di non sottovalutare il Futsal e le opportunità che questo sport offre, con le conseguenti possibili soddisfazioni. Ne ha evidenziato gli aspetti più peculiari, come le emozioni e lo spettacolo che questa disciplina sa regalare. Andrea, anche con l’ausilio di brevi video, ha raccontato la sua esperienza, riuscendo a trasmettere quanto il calcio a cinque sia interessante e stimolante.
Malfer è entrato più addentro nella tecnica e dinamica arbitrale, dando luogo ad una lezione di alto livello sui concetti di dogso, spa e grave fallo di gioco, enfatizzando l’importanza della collaborazione nella squadra arbitrale e della conoscenza regolamentare. Alessandro ha quindi raccontato e trasmesso tante delle sue esperienze sui campi nazionali e internazionali. Del resto, non poteva essere altrimenti: il collega di Rovereto, infatti, è certamente uno dei massimi esponenti del calcio a cinque, alla luce della sua permanenza nella Commissione nazionale del Futsal per ben 18 Stagioni Sportive, metà delle quali trascorse come arbitro internazionale, ed ora del ruolo dirigenziale, che sta vivendo con passione ed entusiasmo.
Dopo due intense ma proficue ore di lavori, grande entusiasmo e ringraziamenti sono pervenuti ai due graditi ospiti, più volte interpellati da domande e attente riflessioni dei tanti associati presenti.